Medicina preventiva dell'animale anziano - Ambulatorio Veterinario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Medicina preventiva dell'animale anziano

L’obbiettivo piu’ importante di chi ha un cane anziano è quello di fare il meglio per garantirgli una vecchiaia piu’ lunga possibile e nella miglior condizione di salute. Per raggiungere questo obbiettivo è necessario cominciare a lavorare in anticipo, quando, a seconda della razza  l’animale arriva attorno ai sei/otto anni di età. La prima cosa da fare, parlandone ovviamente col medico curante, è cambiare alimentazione, utilizzando un cibo adeguato per l’età. In commercio esistono alimenti specifici che sono un ottima scelta. In linea di massima  contengono  proteine carboidrati e grassi  facilmente digeribili, integrati con vitamine e minerali  bilanciati correttamente e con  funzione antiossidante.
La forma fisica è importantissima. Il soprappeso è un grande problema per l’animale anziano, in quanto puo’ essere causa di diabete, problemi epatici, dolori articolari e problemi cardiovascolari. Verso i sei/otto anni  è tempo di programmare una dose di alimento corretta e di fare quotidianamente  passeggiate tranquille al guinzaglio, in modo da mantenere la forma fisica muscolare e di consumare l’eccesso di energia fornita con gli alimenti.
Anche in medicina veterinaria, come in medicina umana la prevenzione di alcune malattie è fondamentale, soprattutto ad una certa età. La diagnosi precoce consente ottimi risultati terapeutici e risolve in maniera semplice problemi che se trascurati potrebbero essere piuttosto gravi. A tal fine è una buona pratica portare il nostro animale anziano due volte all’anno dal veterinario di fiducia per eseguire, dietro consiglio medico, un check up adeguato alla sua razza ( alcune patologie sono piu’ frequenti in alcune razze) ed alla sua età. Gli esami del sangue , associati ad una visita scrupolosa sono di solito il primo passo diagnostico. Se poi emergono problemi specifici si faranno  una serie di altri esami diagnostici che di volta in volta verranno indicati dal  medico curante.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu