Alimentazione corretta per un cucciolo di cane - Ambulatorio Veterinario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Alimentazione corretta per un cucciolo di cane

Qualche anno fa il rachitismo e le malattie da problemi alimentari nei cuccioli erano piuttosto frequenti. Si vedevano cuccioli che avevano carenze di calcio e di fosforo talmente gravi che si fratturavano le ossa semplicemente camminando. Anche le deviazioni dell’asse delle zampe era frequente, e si vedevano cuccioli con le gambe molto storte che facevano una fatica notevole a reggersi sulle zampe.
Questo era dovuto a errori alimentari grossolani, spesso dovuti alla somministrazione eccessiva di integratori alimentari che impediva l’assorbimento di sostanze fondamentali per la crescita corretta del piccolo. Al giorno d’oggi sono cambiate molte cose. Gli integratori alimentari si usano solo in casi molto particolari e sotto stretto controllo medico. Soprattutto per i cuccioli in crescita sono state studiate da esperti alimentaristi delle razioni bilanciate correttamente, che vengono vendute sotto forma di croccantini o di scatolette. Questi alimenti, chiamati di solito “puppy” o “growth” devono essere scelti e somministrati al posto della tradizionale alimentazione casalinga. Nulla in contrario sul fatto che il proprietario cucini per il suo animale quando questo è adulto e sano, ma ci sono delle fasi della vita in cui un errore crea guai difficilmente riparabili. E’ questo proprio il caso dell’alimentazione, che deve fornire i nutrienti adatti e bilanciati per far sviluppare al cucciolo un fisico sano e robusto. Un cane si considera cucciolo fino a quando la zona di accrescimento delle ossa non è saldata. Questo avviene nelle razze di piccola taglia a sei mesi, mentre nelle razze di taglia grande verso i sette/otto mesi. Fino a quell’eta’ dunque è corretto utilizzare un alimento pronto per la crescita(si acquistano nei negozi di animali o nei grandi magazzini), in quanto è bilanciato correttamente con proteine, carboidrati , grassi, vitamine, minerali ed oligoelementi di quanto non possa fare il piu’ amorevole pasto preparato in casa. Il rischio infatti non è quello di dare poche vitamine o minerali ma di darne troppe, con effetti decisamente negativi sullo  sviluppo del cucciolo.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu